Milan Fashion Week 2016 su Twitter: tutti i dati e i protagonisti

go to english versionen_GB 

Si chiude oggi la Milano Fashion Week con le collezioni uomo per l’autunno-inverno 2016. I brand del fashion-luxury sono love brands per eccellenza e analizzarne il buzz su Twitter fornisce dati ed esempi preziosi sulle strategie di contenuti e relazioni online.

Il marchio vincente di questa edizione è senza dubbio Calvin Klein, che grazie al featuring della web star del momento Cameron Dallas si posiziona al primo posto in tutte le classifiche.
Il picco nella timeline corrisponde al tweet di saluto di CK al teen idol, ma CK è primo anche nelle classifiche degli utenti e degli hashtag più citati, e sbanca la top ten dei tweet più ritwittati. Un trionfo, ma che va ridimensionato di fronte all’enorme richiamo del testimonial scelto.

Tra i brand italiani è Versace a distinguersi, posizionandosi al secondo posto dopo CK sia tra gli hashtag che tra gli utenti. Merito delle atmosfere spaziali della nuova collezione, una virata coraggiosa rispetto agli anni passati che ha riscosso molti apprezzamenti, e di un marchio che negli ultimi anni ha recuperato molta visibilità internazionale. Gucci, Prada e Armani gli altri marchi più seguiti, insieme a Roberto Cavalli che beneficia dell’attenzione per il designer Peter Dundas.

E’ interessante notare l’assenza tra le fonti più citate dei magazine classici (ad eccezione di Womens Wear Daily), mentre emergono nuovi influencer come Stereothypes, un canale Youtube dedicato ai modelli e al loro contributo al fashion system, e i blog inglesi Pause e The Business of Fashion. Anche l’agenzia di modelli IMG fa un buon lavoro con il suo account che l’hashtag #IMGstars.

Per concludere un appunto sulla provenienza geografica e “tecnologica” dei tweet: l’evento ha un buon richiamo internazionale, confermato dalla prevalenza di tweet in inglese su quelli italiani, ma ancora poca eco in altre lingue. Interessante il posto in top ten di sloveno, danese, olandese e indonesiano. L’iPhone si conferma il dispositivo più utilizzato per il live tweeting di eventi fashion, ma emergono anche piattaforme professionali per la gestione e l’automazione dei social come IFTTT, Tweetdeck, Roundteam.

 

Milan Fashion Week menswear 2016 ends today. Fashion luxury brands are definitely love brands, that’s why analyzing their buzz on Twitter provides useful data and examples about content and social strategies.

The winning brand in this edition is without any doubt Calvin Klein, who gains the first position in all the charts thanks to the featuring of the latest webstar Cameron Dallas. The peak in the timeline coincide with CK’s “ciao” to the teen idol. The brand is also first among the most mentioned users and hashtags, furthermore it owns all the most retweeted tweets in the top ten.

Versace stands out from italian brands, gaining the second position both in the hashtags and users charts. Its new space-inspired collection, a brave turnaround compared to last seasons, got good reviews and the brand during the last years got back a lot of international visibility. Gucci, Prada and Armani are the other most followed italian brands, together with Roberto Cavalli who takes advantage of the interest for the designer Peter Dundas.

Interestingly classic magazines are not in the charts (except Womens Wear Daily), while new influencers emerge like Stereothypes, a Youtube channel about models’ influence in fashion, and the two english blogs Pause and The Business of Fashion. Models agency IMG also does a good job with its account and the hashtag #IMGstars.

A note on the provenience of the tweets, both geographical and “technological”: the event shows a good international lure, confirmed by the prevalence of english on italian, but still a few interest from other languages. Interesting performance of slovenian, danish, dutch and indonesian. iPhone confirms itself as the most popular device for live tweeting in the fashion world, but social media management and automation platforms also emerge like  IFTTT, Tweetdeck, Roundteam.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *